Il Salone del libro di Torino è ancora utile?  

Critica.Mente: la sola costanza è il cambiamento

salone-libro-torino1Nella nostra epoca di comunicazione elettronica istantanea, l’editoria è ancora un business alimentato da una passione per i libri e per le relazioni personali. Questa è rimasta una costante, anche con le nuove opportunità che gli ebook danno agli autori e agli editori, ed è parte del motivo per cui l’editoria è un’arte più che una scienza.

Per un lettore, una fiera del libro dà la possibilità di avere una conoscenza almeno parziale di quello che un editore propone; inoltre, ci si guadagna a incontrare editori, scrittori e parlare dei libri che amano, e i libri che il lettore ama. Per gli scrittori noti e i nuovi autori, una fiera è il luogo in cui agenti ed editori possono concentrarsi su libri di cui sono appassionati. La fiera tuttavia è fatta di grandi e piccole case editrici. Appare superfluo dire che è praticamente impossibile entrare in contatto con un grande editore mentre…

View original post 536 altre parole

Annunci

PIAZZA DELLA PASSERA 2

Oggi alle ore 18, presso la Libreria Gioberti (Via Gioberti 37/a FIRENZE) presentazione di Piazza della Passera di Franco Valleri

La Lettera Rubata

Base x evento singolo

Mercoledi’ 18 marzo, alle ore 18, presso la Libreria Gioberti (Via Gioberti 37/a, tel. 055669402),  viene presentato Piazza della Passera,  l’ultimo libro di Franco Valleri (Giorgi Libri s.r.l., 2015), con prefazione di Mario Spezi. Introduce Alfredo Scanzani.

Il volume, riccamente illustrato dai dipinti del pittore senese Enzo Cesarini, contiene cinque storie noir ambientate nelle case di tolleranza fiorentine negli anni fra le due Guerre, con protagonista Paolo Giunti, cronista di nera.

«Di quel mondo perduto per sempre in Piazza della Passera si ritrovano luci e odori, l’abbigliamento provocante delle “signorine”, i modi a volte bruschi delle maîtresse, come la Paolona, le “colonnelle”, vecchie e ossute donne diventate inservienti, i clienti, da quelli che non “consumavano” mai e si limitavano a “far flanella” nelle sale d’aspetto accontentando solo la vista, a quelli dalle richieste assai particolari, come il voler fare “il sottomarino”, che preferisco non spiegare…

View original post 14 altre parole

PIAZZA DELLA PASSERA

La Lettera Rubata

copertina piazza della passera

Franco Valleri, Piazza della Passera e altre storie fiorentine. Prefazione di Mario Spezi. Giorgi Libri s.r.l., marzo 2015, pp. 96, illustrazioni a colori. Prezzo Euro 6,90.  In appendice: Da canto a canto,dove si incontrava la Lisabetta di Roberto Baldini.

Cinque storie noir ambientate nelle case di tolleranza fiorentine negli anni fra le due Guerre, con protagonista Paolo Giunti, cronista di nera.

«Di quel mondo perduto per sempre in Piazza della Passera si ritrovano luci e odori, l’abbigliamento provocante delle “signorine”, i modi a volte bruschi delle maîtresse, come la Paolona, le “colonnelle”, vecchie e ossute donne diventate inservienti, i clienti, da quelli che non “consumavano” mai e si limitavano a “far flanella” nelle sale d’aspetto accontentando solo la vista, a quelli dalle richieste assai particolari, come il voler fare “il sottomarino”, che preferisco non spiegare per lasciare al lettore il gusto di scoprirlo.» Dalla prefazione di…

View original post 67 altre parole

Come salvare una libreria

Una idea che avevo avuto qualche anno fa, come via per salvare le librerie. Adesso la tecnologia la sta rendendo economicamente fattibile. E’ la stessa tendenza verso la quale ci porteranno le stampanti 3-D: il bene non viene fabbricato chissà dove e poi portato nei negozi, ma viene creato nel negozio stesso. E’ il futuro.

Critica.Mente: la sola costanza è il cambiamento

librerie-bolognaAlcune idee di business sembrano destinati a fallire. Si può camminare in un ristorante o in un negozio al dettaglio per capire subito che ha i giorni contati.

In America, un uomo ha capito che fare. Ha comprato una libreria indipendente, la Harvard Book Store – un’oasi di conforto per i bibliofili – a Cambridge, vicino a Boston. In una città dove molte librerie indipendenti sono state chiuse in un batter d’occhio, questo apparentemente ingenuo signore ha iniziato la sua nuova avventura nei giorni bui della recessione, sotto l’ombra di Amazon, e proprio mentre gli e-book iniziavano la loro ascesa.

Jeff Mayersohn, il proprietario, ha raccontato con una certa dose di orgoglio e piacere che le vendite sono cresciute di mese in mese nel corso degli ultimi anni.

Com’è riuscito a sopravvivere? Come ha fatto a prosperare nell’era del possente Amazon? Jeff ha avuto un’intuizione che ha modificato la strategia di acquisti…

View original post 607 altre parole

I peggiori errori che uno scrittore fa scrivendo un romanzo

Critica.Mente: la sola costanza è il cambiamento

Vi state chiedendo perché i vostri manoscritti continuano a tornare indietro con gentili lettere di rifiuto o senza alcuna risposta? Potrebbe essere che uno di questi dieci “errori fatali” è tra voi e la pubblicazione!

writerMancanza di Editing. I migliori scrittori ri-scrivono e ri-scrivono. Gli scrittori all’esordio tendono a pensare che la revisione significa semplicemente una breve lettura per correggere gli errori di battitura e di ortografia. Questa è l’ultima cosa da fare. La prima bozza di un romanzo o di un racconto è come un pezzo di legno. Bisogna rimuovere le crepe inutili, affilare le immagini e scegliere le parola esatte che riveleranno la bellezza delle venature.

Scrittura noiosa. Troppi nuovi scrittori non danno pieno sfogo alla loro immaginazione. Sembrano impaurito di guardare al di là e al di sotto della superficie. I loro personaggi sono opachi e conducono vite opache. Soprattutto, la narrativa deve incuriosire e divertire. Evitate personaggi e situazioni stereotipate. Perché non è possibile che…

View original post 827 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: